Iper la grande i
Leggi il regolamento Non riesci a registrarti? Registrati a 4ZampeClub
Facebook Twitter
Seguici su:
Login ricorda password
 
 
Teppisti coi baffi
Uccellini

Teppisti coi baffi

Il gatto è l’animale domestico per eccellenza, ma quando si ricorda di essere un felino può creare seri problemi agli abitanti della casa o ai suoi mobili! Eppure educarlo (o rieducarlo) è possibile.
 

I nostri partners

Friskies Dental Fresh Small
Purina ONE NB Digestive 800g

Teppisti coi baffi

Accanirsi con le unghie su tappeti, divani o mobili, tendere agguati alle caviglie del padrone, essere troppo aggressivi, morsicare, rifiutare la lettiera igienica e fare pipì in giro. Se il tuo gatto fa alcune di queste cose o se le fa addirittura tutte, anche tu hai a che fare con un temibile teppista felino! Di conseguenza sai quanto i problemi comportamentali dell’animale possano complicare una convivenza domestica che in condizioni normali è piuttosto semplice e naturale.
Per fortuna ogni problema ha un’origine: basta essere informati ed osservare con attenzione il proprio gatto per individuarla e porvi rimedio.
Prima di addentrarci nello specifico dei comportamenti scorretti e delle soluzioni da mettere in atto per prevenirli, però, è importante fare una premessa. A volte gli sbalzi d’umore di Felix, i graffi o altre marachelle non sono attribuibili alla sfera comportamentale, bensì a quella medica. Se il gatto sta male, infatti, può diventare aggressivo o reagire negativamente all’ambiente che lo circonda. Un classico esempio sono i disturbi renali o all’apparato urinario, che spesso spingono animali abituati ad utilizzare la lettiera ad urinare in giro per casa, in posti nuovi.
Il primo passo da fare, quindi, è necessariamente una visita veterinaria volta ad escludere complicazioni di natura fisica. Se l’esito è negativo e il gatto è sano, iniziamo pure la rieducazione!

Aggressioni a zampa armata

scheda Uccellini - Aggressioni a zampa armata L’aggressività è una componente normale del comportamento felino e in quanto tale va tollerata entro una certa misura, ma quando si spinge oltre va ripresa e corretta. Le cause di graffi e morsi a uomini o ad altri animali, di agguati alle caviglie dei padroni o di generici atteggiamenti ostili come ringhi e soffi, possono essere le più disparate.
Come anticipato, è importante imparare ad osservare il proprio gatto per capire meglio quelle che sono le dinamiche causa-effetto, così da essere in grado di arginarne l’aggressività.
Un buon consiglio è di farlo sterilizzare prima dei sei mesi di vita: in caso contrario le dispute per il dominio del territorio tenderanno a farsi più vivaci e accese.
Altrettanto utile è la raccomandazione di promuovere uno stile di vita quanto più possibile attivo e stimolante per il tuo piccolo amico. Un gatto che gioca e rincorre palline, giochini, bastoni “piumati” che diventano irresistibili prede spingendolo a sfogare su di esse la propria aggressività, ha molte meno ragioni di prendersela con le mani e le caviglie del padrone.
Poi ci sono le coccole. Anche in questo caso la regola chiave è: ogni gatto ha il suo carattere, impara a conoscerlo. Se il tuo gatto ti morde quando gli tocchi la pancia, evita di sollecitarlo in quel punto. Se non ama essere preso in braccio ma preferisce essere lui a cercare te quando ha voglia di carezze, accetta le sue scelte. E così via.
Infine evita musica o tv ad alto volume, luci troppo violente, serrate sequenze di immagini video: tutto ciò può innervosire l’animale e renderlo meno mansueto. Molto meglio riservargli un contesto tranquillo e rassicurante in cui vivere.

Una casa in pericolo

scheda Uccellini - Una casa in pericolo Un altro inconveniente in cui spesso il padrone del gatto può imbattersi sono i graffi a poltrone, divani, letti o altri mobili della casa. Per l’animale graffiare è un’attività normale e anche salutare perché gli consente di tenere i muscoli allentati e gli artigli affilati (provvedi tu a spuntarli con le apposite forbici quando diventano troppo aguzzi). Al tempo stesso graffiare punti della casa equivale per il gatto a marcare i confini del proprio territorio.
Ciò non toglie, però, che se il felino rovina il tuo costoso e amato divano a furia di graffi, difficilmente potrai fartene una ragione pensando che così facendo vive più soddisfatto. Per questo dovresti mettergli a disposizione un tiragraffi, meglio ancora più di uno, sia verticali sia orizzontali. Molto spesso tanto basta a convincerlo a sfogare su questi oggetti il proprio bisogno di “farsi le unghie”, lasciando in pace il resto della casa. Se i mobili o gli oggetti graffiati sono numerosi, posiziona un tiragraffi vicino ad ognuno di essi. E se inizialmente il gatto è riluttante ad utilizzarli, sfregali con un po’ di erba gatta o attaccaci i suoi giocattoli preferiti per invogliarlo.
E quando i tiragraffi non bastano a placare l’animale? Allora devi ricorrere a metodi più persuasivi come spray repellenti il cui odore non è gradito al gatto e lo spinge ad allontanarsi dal mobile. O anche una pistola ad acqua con cui puoi spruzzare leggermente il tuo felino nel momento in cui graffia qualcosa che non dovrebbe graffiare. Dopo qualche “colpo” andato a segno, capirà che non deve farlo e, per evitare la punizione, smetterà.

Bisognini o problemini?

scheda Uccellini - Bisognini o problemini? Se il tuo amico è stato abituato fin da piccolo ad usare la lettiera e se questa lettiera è mantenuta pulita con regolarità, tutto dovrebbe filare liscio. Il gatto è un animale abitudinario e se ha chiaro in testa che quello è il posto dei bisognini, in genere si comporta correttamente.
Eppure può capitare che l’animale, soprattutto il maschio, rilasci urina contro mobili o muri per marcare il territorio. In tal caso pulisci subito l’area interessata con un prodotto repellente a base di enzimi che eliminerà l’odore cattivo e dissuaderà il gatto dal ripetere la bravata. Inoltre puoi lasciare una ciotola di cibo nei luoghi presi di mira: è assai improbabile che il felino urini in prossimità del cibo.
Parlando di lettiera, ricordati sempre che la cassetta deve piacere al gatto prima che a te. Magari tu la vorresti coperta, più discreta, ma se l’animale rifiuta di entrarvi perché vi si sente “in trappola”, dovrai assecondarlo e togliere il “tetto”. Anche la scelta del ghiaino da utilizzare è cruciale e ogni gatto ha la sua preferenza. Vai per tentativi e, una volta individuata la lettiera che piace al tuo cucciolo, non cambiarla più o potresti scoraggiarne l’uso.
Vedi tutti
Cerca
cerca
 

Indice

Teppisti coi baffi

Accanirsi con le unghie su tappeti, divani o mobili, tendere...

Aggressioni a zampa armata

L’aggressività è una componente normale del comportamento felino...

Una casa in pericolo

Un altro inconveniente in cui spesso il padrone del gatto può...

Bisognini o problemini?

Se il tuo amico è stato abituato fin da piccolo ad usare la...
 

Approfondimento

Ribelli con una causa

Molte delle ragioni per cui anche il più mansueto dei gatti può improvvisamente trasformarsi in uno scatenato ribelle sono attribuibili a situazioni di stress che l’animale subisce e che determinano anomalie comportamentali.
Il caso più classico è il trasloco. Il gatto è molto territoriale e non ama i cambiamenti. Catapultarlo in un nuovo ambiente dopo anni di felice permanenza nella vecchia casa, potrebbe turbarlo assai. Un altro elemento che dà sicurezza al felino e ne stabilizza il comportamento è l’affetto del padrone. Se questo affetto viene a mancare o diminuisce, ad esempio perché in casa arriva un bebé o magari un altro animale che contende la tua attenzione, potresti incontrare problemi.
Altre volte ancora il pelosetto non tollera la presenza di amici, parenti o persone che non conosce e diventa aggressivo quando hai visite in casa. In tal caso prendilo in braccio, rassicuralo e cerca di fargli fare amicizia con i tuoi ospiti o almeno di sopportarne la presenza, nascosto dietro qualche mobile fino a quando il territorio non è di nuovo sicuro!
 

I nostri partners

Felix Le Ghiottonerie Manzo e Pollo
Purina ONE 4x85g
annunci animali
iscriviti al 4 zampe club