Iper la grande i
Leggi il regolamento Non riesci a registrarti? Registrati a 4ZampeClub
Facebook Twitter
Seguici su:
Login ricorda password
 
 
Sponsor del mese
 
Qualche semino per i nostri amici pennuti
 
Cerca
In aereo con il gatto.
 
 

I nostri partners

Friskies Dental Fresh
Friskies Dental Fresh Small
Nei mesi invernali i nostri amici pennuti hanno maggiore difficoltà ad alimentarsi. Inoltre, con l’arrivo del freddo, il corpo subisce un maggior dispendio di energie per mantenere la temperatura corporea e conseguentemente richiede un maggior quantitativo di “carburante”.
Per questo motivo il cibo dove essere il più calorico possibile.

Passeri, pettirossi, cinciallegre, fringuelli, verdoni, merli (solo per citare alcune specie) vagano alla disperata ricerca delle poche bacche rimaste, talvolta senza successo.

Come possiamo aiutarli?

Collocando delle mangiatoie in giardino o sul terrazzo che, oltre ad aiutare i piccoli pennuti a superare il periodo critico, ci offrono la possibilità di osservarli da vicino. In commercio esistono diverse tipologie di mangiatoie dalle più semplici alle più sofisticate, ma le possiamo costruire anche in casa, magari facendoci aiutare dai nostri bambini, utilizzando ad esempio  le reti dei limoni e delle patate, il cartoccio del latte, i vasetti dello yogurt e quant’altro la fantasia ci suggerisce.

L’importante è sistemarle in un posto facilmente accessibile dagli uccellini, in una zona scoperta, in modo che non siano raggiungibili dai gatti o da altri predatori. Le mangiatoie possono ad esempio essere appese al ramo di un albero, o a una tettoia, a un grigliato, in cima a un palo di legno conficcato nel terreno, sul davanzale della finestra o sul balcone, al riparo dalla pioggia, per evitare che il cibo si alteri o ammuffisca.
 
Prepariamo loro un cibo casalingo

Anche il cibo può essere preparato in casa: margarina, strutto, burro, carne cruda, croste di formaggio, semi di lino, girasole, miglio, panico, frutta secca non salata (noci, nocciole, arachidi), uvetta, mele, pere, briciole di pane e biscotti secchi, sono ideali per rifocillare i nostri piccoli amici freddolosi.

I semi possono essere posati all’interno della mangiatoia oppure essere amalgamati alla margarina, al burro o allo strutto fuso, versati nei vasetti dello yogurt e lasciati solidificare.

Le mele, le pere, l’uvetta, la frutta secca a pezzetti possono essere lasciate sul davanzale, sul balcone, o amalgamate al grasso e appese all’interno della rete.
 
Anche l’acqua è indispensabile

La ciotola o un sottovaso con l’acqua pulita sono altresì importanti nei mesi invernali, sia per bere, sia per fare il bagnetto. Ovviamente l’acqua deve essere sostituita ogni mattina per motivi d’igiene e per rimuovere il ghiaccio.
Gli uccellini sono particolarmente affamati al mattino è quindi consigliabile riempire le mangiatoie nelle prime ore della giornata effettuando, se possibile, una seconda somministrazione nel pomeriggio. Le ciotole e le mangiatoie devono essere regolarmente pulite dagli escrementi e dagli avanzi avariati per evitare il diffondersi di batteri e malattie, meglio quindi non esagerare con le porzioni per evitare di dover buttare il cibo.

Infine un ultimo suggerimento: una volta presa la decisione di voler aiutare gli uccellini a superare la stagione fredda somministrando loro cibo e acqua, è indispensabile continuare fino alla primavera successiva poiché “la postazione di ristoro” diventa un riferimento fondamentale per la loro sopravvivenza.

Con l’arrivo della bella stagione si dovrà diminuire gradualmente la somministrazione del cibo affinché i nostri piccoli amici ritornino a cercarlo in natura.
Vedi tutti
cerca
 
Convenzioni
 
annunci animali
iscriviti al 4 zampe club