Iper la grande i
Leggi il regolamento Non riesci a registrarti? Registrati a 4ZampeClub
Facebook Twitter
Seguici su:
Login ricorda password
 
 
La Muta dei Gechi
Rettili
La Muta dei Gechi
Periodicamente tutti i rettili sono soggetti al cambiamento della pelle: è un processo naturale, indispensabile per la loro crescita
Sponsor del mese
 
La Muta dei Gechi
 
Cerca
In aereo con il gatto.
 
 

I nostri partners

Dental Fresh
NUTRI LA FELICITà DEGLI ANIMALI IN ATTESA DI ADOZIONE!
Periodicamente tutti i rettili sono soggetti al cambiamento della pelle: è un processo naturale, indispensabile per la loro crescita in quanto la pelle non si estende con il resto del corpo.

I gechi non fanno eccezione. La loro pelle, però, a differenza degli altri rettili, non è elastica, bensì rigida e a mano a mano che il geco diventa grande si tende e si lacera, liberando quella nuova che nel frattempo si è formata al di sotto.

Nei cuccioli tale fenomeno si manifesta in genere ogni 2 settimane (dipende dall’età e dallo stato di crescita), mentre negli adulti la muta avviene ogni 2-4 mesi circa.

Un momento delicato
Il cambiamento della pelle è un periodo delicato e fonte di stress per l’animale tanto che nei giorni che precedono l’evento rimane in disparte, in un luogo buio, umido e caldo, riducendo al minimo sia l’attività fisica sia l’alimentazione; la pelle assume una colorazione opaca, quasi grigiastra, poi inizia a lacerarsi.

In questo periodo è indispensabile mantenere una maggiore umidità all’interno della teca, nebulizzando un lato del terrario e mettendo a disposizione del piccolo rettile una scatola munita di un foro di accesso, contenente fibra di cocco, muschio o torba molto umidi, in modo che l’animale possa strisciarvi contro per favorire il distacco della pelle morta.

Nel geco il cambio della pelle non avviene in un unico pezzo (come invece avviene per esempio nei serpenti) ma si stacca a piccoli brandelli che l’animale elimina sfregandosi sulle rocce, sui tronchi, contro oggetti rigidi o aiutandosi con la bocca.

Se dovessero rimanere pezzetti di pelle residua sul corpo è possibile aiutare la muta immergendo il geco in una ciotola con acqua o in un infuso di camomilla tiepida in modo da ammorbidire lo strato restante. Una volta imbevuta, la pelle si staccherà da sola.
Bisogna inoltre tenere sotto controllo e umidificare la zona attorno alle dita e alla coda per evitare che si formino degli anelli di pelle secca e morta che, restringendosi, possano provocare necrosi ischemica e conseguentemente la caduta delle dita e della coda.
Vedi tutti
cerca
 
Convenzioni
 
annunci animali
iscriviti al 4 zampe club