Iper la grande i
Leggi il regolamento Non riesci a registrarti? Registrati a 4ZampeClub
Facebook Twitter
Seguici su:
Login ricorda password
 
 
Sponsor del mese
 
Inverno da cani
 
Cerca
In aereo con il gatto.
 
 

I nostri partners

FRISKIES Gatti Sterilizzati con Coniglio e Verdure
Dental Fresh
Cappottino sì, cappottino no.
Con il mese di novembre, arriva il freddo e, se, noi non abbiamo dubbi sulla possibilità di indossare il paltò, la questione si pone quando parliamo dei nostri cani.
Quando le temperature scendono, infatti, che cosa accade ai quattrozampe?
Innanzitutto, è bene sottolineare che i nostri migliori amici sono tutt’altro che immuni dal cambio di stagione.
Dunque, cappottino sì, sempre e comunque? Non è detto.
Per capire se il giubbottino invernale è davvero utile, è necessario tenere conto di: età, pelo e taglia.
 
Non sorprenderà scoprire che gli animali più delicati sono i cuccioli e gli anziani.
Non solo: anche i cani piccoli e gracili e quelli dal pelo raso soffrono le basse temperature. A proposito di pelo, più che la lunghezza conta il sottopelo: quello strato lanoso che si colloca tra il manto e la pelle. Come dire, più sottopelo significa più protezione dal freddo.
 
In questo contesto, molto fa l’ambiente in cui Fido è abituato a vivere: chi è solito stare in casa, non ha pelo molto folto e percepisce nettamente lo sbalzo di temperatura tra il salotto e il parco.
Quanto agli sbalzi termici, gli amanti di divano e tappeto devono essere ben assicurati dal clima rigido e, in caso di pioggia, protetti con un impermeabile.
Una volta finita la passeggiata, poi, non dimenticate di asciugare per bene il cane: frizionatelo con un asciugamano ed evitate di utilizzare il phon (possibile causa di pericolosi sbalzi di temperatura).
Tenete conto del fatto che gli animali con game corte si bagnano il torace con più facilità.
 
I cani che vivono all’aperto devono avere a disposizione una cuccia dove ripararsi: una casetta sollevata (o, comunque, isolata) da terra, priva di correnti d’aria e con interno foderato di coperte ben asciutte e sostituite spesso.
Per i pet ‘da giardino’ aumenta il fabbisogno nutrizionale: al fine di mantenere la termoregolazione, questi quattrozampe consumano di più. A livello pratico: modificate la loro dieta, aumentando l’apporto calorico dei pasti.
 
In inverno, la minaccia peggiore, è l’ipotermia: se Fido trema, si muove con lentezza, mostra sonnolenza, calo del ritmo cardiaco e respiratorio, provvedete ad offrire calore, trasmettendogli il tepore del vostro corpo, oppure vestendolo con una coperta. Nel caso in cui la situazione sia particolarmente seria, contattate il veterinario.

Non lasciate mai il cane solo in auto: se, d’estate, la vettura si trasforma in un forno, in inverno diventa un frigorifero letale.
Quando le temperature scendono fino alle zero e i fiocchi iniziano a cadere, i cuccioli prendono a mangiare la neve: per scongiurare problemi all’intestino, è bene che non esagerino.
Vedi tutti
cerca
 
Convenzioni
 
annunci animali
iscriviti al 4 zampe club