Iper la grande i
Leggi il regolamento Non riesci a registrarti? Registrati a 4ZampeClub
Facebook Twitter
Seguici su:
Login ricorda password
 
 
Sponsor del mese
 
Oltreoceano con Fido
 
Cerca
In aereo con il gatto.
 
 

I nostri partners

Purina ONE 4x85g
SHAMPOO FRISKIES a scelta
Partire per lunghi viaggi, scavalcando l’Oceano non è più evento raro: i voli intercontinentali proposti a prezzi abbordabili sono sempre più diffusi e, così, sono sempre più coloro che scelgono di abbandonare il vecchio continente, almeno per un po’.

Tra questi esploratori di nuovi mondi, aumenta il numero di chi decide di partire con Fido al seguito.

Negli ultimi anni, le compagnie aeree sono diventate particolarmente sensibili al trasporto degli animali. Se la prenotazione avviene con anticipo, dunque, gli animali sono ben accettati a bordo.

Tuttavia, va ricordato che ogni compagnia di volo adotta regole e prezzi propri. È, dunque, indispensabile programmare e prenotare con anticipo.

Ad ogni cane il proprio posto

In genere - su autorizzazione del comandante - i cani di piccola taglia sono ammessi a bordo, solo se posti all’interno di un trasportino con fondo impermeabile. È bene informarsi bene sui box omologati, così da non vedersi negato l’accesso a bordo, al momento dell’imbarco.

In ogni caso, il peso totale massimo consentito per imbarcare il proprio pet non deve superare i 10 kg. Gli animali di peso superiore devono essere caricati nella stiva pressurizzata, all’interno di apposite gabbie messe a disposizione dalle compagnie aeree, che è pressurizzata.

Mediamente, le maggiori compagnie forniscono assistenza di personale specializzato che, durante gli scali, provvedono a fornire all’animale acqua e cibo.
I cani guida per non vedenti viaggiano gratuitamente al seguito del passeggero.

Le carte da non dimenticare

I documenti che non devono mancare per l’accettazione a bordo sono, ovviamente, il passaporto rilasciato dall’ASL di competenza (con la registrazione del numero di microchip), il libretto comprovante l’avvenuta vaccinazione contro le principali malattie e il certificato di buona salute con data non antecedente i cinque giorni, rilasciato dal veterinario.

Un’ultima raccomandazione: se il viaggio previsto è all’estero, meglio informarsi sulle richieste sanitarie dello Stato di destinazione, al fine di evitare di vedersi rifiutare lo sbarco.
In alcuni Paesi, è ancora richiesto un periodo di quarantena per l’introduzione di animali provenienti dall’estero.
Vedi tutti
cerca
 
Convenzioni
 
annunci animali
iscriviti al 4 zampe club