Iper la grande i
Leggi il regolamento Non riesci a registrarti? Registrati a 4ZampeClub
Facebook Twitter
Seguici su:
Login ricorda password
 
 
Lo Svezzamento del Micino
Gatti
Lo Svezzamento del Micino
Con il termine svezzamento si intende il passaggio del cucciolo dal latte materno all’alimentazione solida.
Sponsor del mese
 
Lo Svezzamento del Micino
 
Cerca
In aereo con il gatto.
 
 

I nostri partners

Purina ONE 7,5kg
FRISKIES Gatti Sterilizzati con Coniglio e Verdure
Con il termine svezzamento si intende il passaggio del cucciolo dal latte materno all’alimentazione solida. È un periodo delicato che di solito avviene verso le tre-quattro settimane di vita e deve essere graduale.

Suggendo il latte materno il cucciolo cresce, si irrobustisce e rafforza le sue difese naturali. Verso la terza settimana di vita si può iniziare a offrire al micino un pastoncino (all’inizio piuttosto liquido) composto da latte, farine di cereali e cibo solido. In commercio esistono prodotti appositamente studiati per garantire al cucciolo i nutrimenti necessari all’accrescimento. Inoltre, meglio non utilizzare il latte di mucca, potrebbe provocare al piccolo disturbi intestinali:  si ottengono risultati migliori impiegando latte per cuccioli, disponibile nei negozi del settore.

Pappe appositamente studiate per lui
Si può scegliere un cibo umido o secco. In questo secondo caso, nei primi giorni è consigliato ammorbidire le crocchette con acqua calda, per abituare il piccolo al nuovo alimento. All’inizio il micino tende a infilarsi completamente nella ciotola con muso, zampe, corpo… inzaccherandosi completamente. Di solito ci pensa mamma gatta a pulire il piccolo, leccando gli avanzi di cibo, se non dovesse provvedere lei, meglio ripulirlo con un panno umido per evitare che il cibo secchi sul pelo e trasformi il poverino in un ammasso di peli rigidi e rappresi.

Avvicinate il cucciolo più volte al giorno alla ciotola ma non forzatelo a mangiare se non vuole; lasciate il cibo a disposizione per una ventina di minuti poi riportate il piccolo dalla mamma. Somministrate ogni volta cibo fresco e lasciate pure che la madre mangi quello rimasto nel piattino: si tratta di un cibo altamente proteico, molto appetibile, ottimo anche per la gatta in lattazione.

Primi passi verso la vita
Giorno dopo giorno il gattino imparerà a nutrirsi da solo, anche se continuerà a succhiare dalle mammelle materne. Non separatelo dalla madre prima delle dodici settimane di vita: ne va del suo sviluppo non solo fisico ma anche emotivo. La madre, infatti, trasferisce al cucciolo tutto il suo sapere: attraverso il gioco gli insegna le tecniche di caccia, come provvedere all’igiene personale, l’utilizzo della lettiera, come socializzare sia con i suoi simili, sia con il compagno umano. Insomma lo introduce alla vita. Con uno svezzamento graduale il cucciolo imparerà a staccarsi dalla madre, superando l’ansia da separazione e comincerà a muovere i primi passi in società.
Vedi tutti
cerca
 
Convenzioni
 
annunci animali
iscriviti al 4 zampe club