Iper la grande i
Leggi il regolamento Non riesci a registrarti? Registrati a 4ZampeClub
Facebook Twitter
Seguici su:
Login ricorda password
 
 
Sponsor del mese
 
Amici come.....cane e gatto
 
Cerca
In aereo con il gatto.
 
 

I nostri partners

Purina ONE Urinary Care 800gr
GOURMET A La Carte con Manzo alla Primavera
E’ luogo comune considerare il cane e il gatto nemici giurati. A conferma di ciò quando due persone litigano si dice che “…sono come cane e gatto”.

Eppure il cane e il gatto non si odiano: semplicemente comunicano e si esprimono in modi diversi. Sono tra gli animali da compagnia più diffusi e oggi, sempre più spesso, condividono spazi e affetti del genere umano.
Entrambi sono animali molto intelligenti e sia il cane, sia il gatto, sono dotati di spirito di adattamento. Se vengono adottati in tenera età il problema è facilitato, anzi: possono diventare grandi amici, compagni di gioco, addirittura inseparabili.

Quando invece uno dei due, o ambedue, sono adulti, la musica cambia e ci si deve armare di pazienza e “savoir faire”. E’ pur vero che esistono cani che quando vedono un gatto si lanciano all’inseguimento, cedendo al loro istinto atavico di predatori, in questi casi il compito si renderà più arduo, ma mai disperare.

Alla base di una convivenza serena ci sono piccoli passi da percorrere per portare entrambi a socializzare e a “sopportarsi” a vicenda. Mentre il cane è senz’altro più estroverso e dimostra i suoi sentimenti, il gatto è meno propenso a esternare i propri, quindi bisogna sapere interpretare gli stati d’animo di entrambi. Se per esempio vogliamo inserire un gatto in casa ma possediamo già un cane, è impensabile di arrivare tra le mura domestiche con un gatto in braccio e ficcarlo “tout court” sotto il naso di Fido: ne nascerebbe un parapiglia!

Step by step

Per i primi giorni è necessario lasciare Micio separato in una stanza della casa. Il cane ha un ottimo fiuto e avvertirà immediatamente la presenza del nuovo arrivato. Bisogna quindi procedere per gradi, facendo perlustrare al gatto gli ambienti della casa quando Fido è fuori per una passeggiata; al suo rientro il cane ne percepirà gli odori e si abituerà gradualmente alla sua presenza. Dopo alcuni giorni, si può cominciare a farli incontrare, sempre comunque senza mai perderli di vista, lasciando che si studino a vicenda, pronti a intervenire in caso di bisogno e senza mai forzare l’incontro.

E’ necessario sapersi destreggiare senza far sorgere gelosie: il cane è piuttosto possessivo nei confronti del padrone e non si deve sentire sopraffatto dalla presenza del felino, anzi, soprattutto i primi tempi, gli si devono riservare maggiori attenzioni, comportandoci come quando nasce il secondo figlio e il primogenito non si sente più al centro dell’attenzione.
Per evitare scontri e motivi di litigio è bene predisporre spazi divisi dove i due nuovi coinquilini possano riposare, mangiare e giocare senza invadere l’uno il territorio dell’altro.

In genere, se il cane ha un’indole tranquilla difficilmente il gatto lo assalirà, piano piano si avvicinerà e in capo a qualche tempo i due impareranno ad accettarsi reciprocamente. L’importante, come recitano i proverbi, è “dar tempo al tempo” e “con il tempo e la paglia, maturano le nespole”!
Vedi tutti
cerca
 
Convenzioni
 
annunci animali
iscriviti al 4 zampe club