Iper la grande i
Leggi il regolamento Non riesci a registrarti? Registrati a 4ZampeClub
Facebook Twitter
Seguici su:
Login ricorda password
 
 
Pesciolino rosso che nuoti nel mio coccio
Acquari
Pesciolino rosso che nuoti nel mio coccio
Come prendersi cura di un amico piccolo, elegante e silenzioso
Sponsor del mese
 
Pesciolino rosso che nuoti nel mio coccio
 
Cerca
In aereo con il gatto.
 
 

I nostri partners

Purina ONE Sterilcat salmone & frumento, con tonno 800g
GOURMET A La Carte con Manzo alla Primavera
“Mamma, mamma, possiamo avere un cane?”.
Ogni occasione è valida per avanzare la richiesta di allargare la famiglia ad un amico a quattro zampe. Se è difficile dare credito a questo desiderio, più facile è optare per pet all’apparenza meno impegnativi.
Primo tra tutti, il pesce rosso.
Al di là della taglia, tuttavia, ogni animale presenta specifiche esigenze e scegliere di possedere un amico che non sia umano è un onere importante.
Economico e facile da reperire e, per questo, molto diffuso, un apparentemente innocuo pesce rosso, ad esempio, può stare con noi per 15-20 anni e, in alcuni casi, farci compagnia silenziosamente sino a 40. Una sorta di discreto compagno di vita.
Vediamo, dunque, come fare per garantirgli un’esistenza serena.

Innanzitutto: lo spazio vitale. La boccia risulta come una prigione, per l’amico squamato. Al di là dello spazio limitato – considerate che, ogni pesce rosso di piccole dimensioni richiede 40 litri di acqua -, è importante, infatti, garantire un buon sistema di filtrazione, in quanto i pesci rossi tollerano male elevate concentrazioni di ammoniaca e nitriti: per la sopravvivenza di questi pesci, igiene e qualità dell’acqua sono fondamentali.
Cambiate l’acqua spesso, mantenendola a temperatura ambiente. Una procedura evitando la quale rischiereste di causare malattie nel vostro pesciolino. Le possibilità sono tre: sostituire quotidianamente piccole quantità di liquido; cambiare settimanalmente il 10% dell’acqua, oppure rinnovare il 25% dell’acqua ogni due settimane.
A proposito di acqua, meglio che sia a PH neutro o lievemente basico e, in fatto di temperatura, quella ideale è compresa tra i 18 e i 24 gradi. Temperature troppo elevate potrebbero essergli fatali, mentre il freddo non rappresenta un problema: i pesci rossi sanno sopravvivere anche in acqua ghiacciata in superficie, sebbene per poco tempo.

Quanto all’alimentazione, questi animali sono onnivori. I mangimi che si trovano in commercio, però, risultano eccessivamente proteici per questi animali, che richiedono cibi specifici, dalla composizione più ricca di carboidrati.
In fatto di quantità, fate attenzione a non eccedere: i pesci tendono a mangiare tutto quello che gli viene dato e potrebbero ingrassare tanto da morire di obesità. Nutriteli una sola volta al giorno, con un pizzico di mangime.

Avete acquistato un pesce rosso e volete dargli un amico?
Inadatti a spartire l’acquario con altre specie, scegliete un animale della sua stessa varietà e garantite lo spazio necessario per vivere dignitosamente, considerando anche le dimensioni che possono raggiungere con la crescita.
Di taglia relativamente ridotta (15-20 cm), difatti, il pesce rosso può arrivare a superare i 40 cm.
Un pesce rosso da record? E’ vissuto in un laghetto e ha ticcato i 48 cm!
Vedi tutti
cerca
 
Convenzioni
 
annunci animali
iscriviti al 4 zampe club